Firma ora

Dedichiamo una statua alle bambine vittime di violenza

Mai più spose bambine, mai più bambine vittime di violenza! Chiediamo al Sindaco di Milano un segno tangibile e duraturo dell’impegno della nostra comunità a proteggere le bambine dagli abusi e andare verso una società più paritaria e più giusta. Unisciti a Terre des Hommes nella richiesta e sostieni la sua campagna #indifesa delle bambine e le ragazze di tutto il mondo

Rubina, 13 anni, pur di non sposare l’uomo che le avevano assegnato come marito, si è impiccata con il suo sari a Kurigram, Bangladesh. Ogni minuto 23 bambine e adolescenti in tutto il mondo sono costrette a sposare uomini spesso molto più grandi di loro e subirne le violenze.

Leyla aveva 7 anni quando in Somalia sono venuti a prenderla per praticarle la mutilazione genitale. Uno shock che si porta dentro da allora e che rende impossibile qualsiasi piacere del suo corpo. Come lei ogni anno 3 milioni di bambine subiscono questa terribile pratica.

Laura a 11 anni ha subito una violenza sessuale dal padre e ancora le trema la voce a parlarne, anche se sono passati decenni. Nel nostro paese nel 2018 sono state più di 900 le bambine e ragazze vittime del reato di violenza sessuale e violenza sessuale aggravata (Dati Polizia di Stato), ma moltissimi casi non vengono nemmeno denunciati.

Milioni di bambine sono ogni giorno vittime di abusi, discriminazioni di genere e sfruttamento e vedono i loro diritti calpestati da una società con retaggi patriarcali ancora duri a scomparire.

 

Cosa chiediamo

Terre des Hommes, organizzazione leader nella protezione delle bambine e le ragazze con la sua campagna Indifesa chiede al Sindaco di Milano di dedicare una statua a tutte le spose bambine e alle bambine e ragazze vittime di abusi.
Sarà un segno tangibile e duraturo dell’impegno della nostra comunità a invertire la rotta e andare verso una società più paritaria e più giusta, dove ogni bambina possa crescere al riparo dalla violenza ed esprimere appieno le proprie potenzialità.

Cosa faremo della tua firma?

La consegneremo, insieme a quella di tutti gli altri aderenti, per chiedere che venga individuata un’area destinata alla posa della statua e ci attiveremo anche per renderla possibile attraverso una campagna di crowdfunding pubblica.

2.746

hanno già firmato

con 5000 come obiettivo

Firma con Facebook

O inserisci i tuoi dati

Stanno firmando..
  • Paola

  • Alfio

  • Gianfranco

  • BARBARA

  • Elena

Le Testimonianze

La violenza è l’ultimo rifugio degli incapaci.
Diciamo basta a qualsiasi tipo di violenza di genere contro le bambine di ogni cultura o religione, che vedono i loro diritti calpestati.
Simone Rugiati, Chef globetrotter e conduttore tv
La protezione delle bambine e delle ragazze dalla violenza deve essere al centro delle nostre preoccupazioni come società. Per questo sostengo la petizione lanciata da Terres des Hommes per una statua a tutte le bambine e ragazze vittime di abusi: ricordiamo, nelle nostre città, cosa ci impegniamo a fare ogni giorno.
Lia Quartapelle Procopio, Deputata della Repubblica Italiana
Perché la nostra vita distratta ha bisogno di simboli che ci aiutino a riflettere e a operare perché questo orrore non sia più!
Carla Signoris, Attrice e scrittrice
Bellissima iniziativa di Terre des Hommes a cui aderisco convintamente. Come consigliera comunale continuerò ad impegnarmi affinché quanti più progetti di questo genere vengano portati a termine. Sia per ricordare le donne vittime di violenza e discriminazione nella storia, sia per valorizzare il ruolo delle donne nella società, nella cultura e nel lavoro.
Angelica Vasile, Consigliera del Comune di Milano
Una statua per tutte quelle bambine che non sono riuscite a diventare donne: perché, che si sopravviva o no a un abuso, la violenza, quando arriva, falcia il fiore della persona che sarebbe sbocciata. Una statua per tutti quei fiori. Per permettergli, comunque, di aprirsi. Obbligando noi a non dimenticare.
Chiara Gamberale, Scrittrice

Hanno già firmato...

Lia Quartapelle Procopio – Deputata della Repubblica Italiana
Angelica Vasile – Consigliera del Comune di Milano e Presidente della Commissione Politiche Sociali e Servizi per la Salute Volontariato
Diana Alessandra De Marchi – Consigliera del Comune di Milano e Presidente della Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili
Flavia Piccinni – scrittrice e giornalista
Gianluca Foglia "Fogliazza" - disegnatore e autore
Maria Grazia Calandrone – poetessa, drammaturga e conduttrice
Chiara Gamberale – scrittrice
Carla Signoris – attrice e scrittrice
Simone Rugiati – chef globetrotter e conduttore tv
Piero Colaprico – giornalista e scrittore
Stella Pende - giornalista, autrice televisiva e conduttrice televisiva
Marilù Martelli - Fondatrice di 5x15 Italia e Consulente strategico de LaFil - Filarmonica di Milano
Francesca Montemagno – Comitato d’Onore Young Women Network
Maura Gancitano - scrittrice, filosofa e fondatrice del progetto Tlon
Beppe Convertini - attore e conduttore televisivo
Nina Zilli - cantautrice
Beatrice Uguccioni – Vice Presidente del Consiglio del Comune di Milano
Simonetta D’Amico – Consigliera del Comune di Milano e Presidente della Commissione Casa Lavori Pubblici Erp
Roberta Osculati – Consigliera del Comune di Milano e Presidente delle Commissioni Periferie e Studio per un Piano integrato di Politiche familiari
Sumaya Abdel Qader – Consigliera del Comune di Milano e Membro della Commissione Pari Opportunità e Diritti Civili